Blog

4-3-1-2 Fase di possesso. Impostiamo dalla difesa. 1°Parte

Uno dei moduli tattici più utilizzati nel calcio di oggi è lo schieramento con 4 difensori, 3 centrocampisti, 1 mezzapunta e 2 punte. Importantissimo è naturalmente riuscire a sincronizzare tutte le posizioni dei singoli elementi in modo da riuscire ad impostare qualsiasi tipo di manovra e garantire un equilibrio tattico ‘buono’ nelle zone ‘topiche’ del campo. Uno dei pregi fondamentali di questo modulo è quello di riuscire ad occupare ampio spazio sia in orizzontale sia in verticale garantendo almeno 3 giocatori per ogni reparto in fase di possesso e ‘non possesso’. L’impostazione della manovra da un punto di vista strettamente personale dev’essere quanto mai veloce e capace di andare a ‘creare spazi da attaccare’. Nelle diverse tipologie di allenamenti che adotto quotidianamente sono sempre alla ricerca di esercitazioni che stimolano l’attacco nello spazio con movimenti che creano ‘buchi’ tra gli avversari rendendoli vulnerabili in determinate zone del campo. E’ mia consuetidine far ripetere gli spostamenti della squadra in base alla posizione del pallone su ogni singolo elemento della squadra partendo da una disposizione iniziale predefinita (situazione1). Di volta in volta faccio muovere la squadra in base alla posizione del pallone facendolo scivolare da destra verso sinistra e chiedendo determinati contromovimenti metro dopo metro che percorre la sfera. Analizziamo le prime due situazioni volendo impostare un’azione manovrata dalle retrovie. Vediamo come quando il pallone è tra i piedi di un terzino, il centrocampista che ha di fronte a se, tende ad allargarsi suggerendo un passaggio sull’esterno ed allo stesso tempo liberando spazio frontale al portatore di palla che acquisterà dunque anche qualche secondo in più per ragionare considerando che il più delle volte almeno un avversario segue o è disturbato dal movimento sul largo del centrocampista. Il centrocampista centrale farà invece un movimento di incontro nel caso si voglia cambiare gioco mentre il terzo centrocampista, quello più lontano, si posizionerà in uno spazio compreso tra gli altri 2 compagni di reparto chiudendo un ipotetico triangolo scaleno. La mezzapunta centrale andrà invece ad occupare lo spazio centrale in diagonale, la punta più vicina punterà l’esterno in profondità in caso di spazio in verticale mentre la più lontana comincerà a posizionarsi sull’ultimo difensore avversario. Il terzino opposto sarà pronto a salire sull’esterno. Nella situazione 3 la palla è invece sui piedi di un centrale di difesa ed il principio resta sempre il medesimo, lo spazio centrale viene liberato per un eventuale lancio sulla prima punta che viene incontro, i due terzini si allargano e cominciano a salire per ricevere, la mezzapunta centrale effettua una mezzaluna e si va ad infilare dalla parte opposta al movimento di incontro della punta centrale che dal suo canto se riceve il pallone può scaricarlo al centrale di centrocampo è venuto a supporto. I passaggi possibili per verticalizzare velocemente sono in questo caso sul numero 3, numero 9 e numero 10, quest’ultimo nel caso in cui la difesa ospite si trovi posizionata molto alta.

Articoli Correlati





You must be logged in to post a comment.