Blog

Difendiamo a 3 giocatori mantenendo la zona! I Centrali di centrocampo. Parte 2°

Una volta metabolizzati i movimenti dei 3 difensori nelle condizioni ‘critiche’ ovvero di 5 contro 3 andiamo ad analizzare il comportamento che devono avere i centrocampisti per supportare la propria linea difensiva negli attacchi avversari. Vediamo 3 condizioni tipiche dove si è attaccati nelle diverse zone del campo, ovvero centrale, interna e laterale. Per la prima condizione vediamo che il centrocampo è occupato da due giocatori metodisti davanti l’asse difensivo. Nel caso in cui si è attaccati nella zona centrale (figura 1) sarà in prima battuta il metodista più vicino ad intervenire ed accorciare sul possessore di palla avversario con il rispettivo scivolamento in diagonale del compagno di reparto mentre i tre difensori andranno ad occupare il maggiore spazio possibile considerando gli spostamenti del duo di centrocampo. Diversamente, se ci spostiamo sulla linea laterale (figura 2), i tre difensori svolgeranno il compito esplicato nella Parte 1° (vedi archivio) con l’aiuto del metodista più lontano rispetto la zona da cui parte i cross. Il metodista chiuderà il triangolo 2 metri davanti i due difensori che occupano la ‘zona di porta’ pronto a seguire un eventuale inserimento di un centrocampista avversario. Nell’ultima situazione invece (figura 3) la palla è spostata su un interno, il metodista più vicino interromperà il passaggio centrale mentre il difensore più vicino (nel caso specifico difensore sinistro) raddoppierà frontalmente. Anche in questo caso il metodista più lontano invece, scivolerà ad occupare uno spazio ‘importante’ davanti i due difensori che avranno così modo di ampliare lo spazio da occupare sulla linea difensiva lasciata libera dal centrale sinistro. In questa prospettiva si riesce ad occupare lo spazio di zona luce (cono di porta) con una densità (di giocatori) elevata rispetto gli spostamenti del pallone.

Articoli Correlati





You must be logged in to post a comment.