Le transizioni nel calcio, applicate ad allenamenti fisici

21 Marzo 2021

Ciao Mister, sono contento di presentarti un mio nuovo articolo per MisterCalcio.com, nel quale ti parlo delle transizioni nel calcio applicate ad allenamenti fisici.

Comincio nel dire che le fasi di una partita di calcio, sono scandite dal possesso o non possesso palla.

Bisogna dire però che l’evoluzione del calcio negli ultimi 10-20 anni, ha reso sempre più fluido il passaggio da una fase all’altra per la velocità che il gioco del calcio ha acquisito.

Questa fase dalla perdita del possesso alla riconquista prende il nome di transizione.

Le transizioni quindi sono i momenti successivi alla riconquista del pallone.

Si parlerà quindi di transizione positiva quando ho il pallone e transizione negativa l’esatto contrario.

Sfruttando al meglio queste situazioni, si può andare a creare un tipo di allenamento ad alta intensità specifico per il giocatore, basato sulla potenza aerobica.

La potenza aerobica

La potenza aerobica è considerata un indicatore di efficienza e funzionalità del sistema cardio-respiratorio e dipende essenzialmente dalle componenti centrali e periferiche.

Un buon allenamento mirato ad aumentare il controllo della potenza aerobica, può dare più flessibilità e resistenza ad un giocatore in campo.

Quindi i vantaggi del calciatore nell’avere una buona potenza aerobica sono:

  • debito di ossigeno di minore entità con recupero più rapido;
  • maggiore è la potenza aerobica, maggiore sarà la capacità di recupero.

Cosa importante da fare è che l’intensità del lavoro rimanga alta, tale per cui la frequenza cardiaca del calciatore sia tra l’85 e il 90% della frequenza cardiaca massima.

Per monitorarla non avendo nella maggior parte dei casi strumenti appositi e tecnologici, si può misurare chiedendo ai calciatori di contare il loro battito alla carotide, posizionando il dito indice e medio per 15 secondi e moltiplicare i battiti contati per 4.

Se si attesta tra i 170-180 battiti, i giocatori stanno lavorando con una giusta intensità.

La frequenza cardiaca massima varia a seconda dell’età del singolo atleta; più è giovane, più la frequenza cardiaca massima è alta.

Prima di proporti le mie esercitazioni situazionali, legate all’articolo odierno, ti anticipo che nella prossima pubblicazione tratterò un lavoro integrato sulle transizioni nel calcio.

Adesso condivido una sequenza di esercizi che ho sviluppato in campo con i miei allievi elite, con ottimi risultati.

Il 3vs3 su due campi

3vs3 su due campi

Descrizione

Come da figura, nel primo quadrato si gioca con quattro porte.

L’obiettivo è quello di fare gol nelle porticine laterali.

Su l’altro quadrato si sviluppa l’esercitazione giocando con due porte.

Quando chiama il cambio il mister, si lascia il pallone e si attacca subito l’altro quadrato con il pallone lanciato dal mister.

Molto importante il veloce cambio di campo da parte di giocatori e una corretta posizione in campo.

Si gioca per 3minuti per un totale di 4 serie con recupero tra le serie di 1,30.

Dal 2vs2 al 4vs4

dal 2vs2 al 4vs4

Descrizione

Si gioca come da figura e si sviluppa prima un 2vs2 con palla ai rossi in questo caso.

A fine azione, il mister chiama il nome di un giocatore posto fuori dallo spazio di gioco che entra veloce in conduzione all’interno del quadrato.

Se l’azione la conclude un giocatore blu, ad esempio, si chiama il rosso e viceversa.

Terminati i giocatori da chiamare, è il mister che immette dentro al campo il pallone, cercando di inserirlo in uno spazio non occupato dai giocatori.

Si effettuano 4 serie da 4 minuti recupero di 1,30”.

Doppio 4vs2 con tiro in porta

Doppio 4vs2 con tiro in porta

Si gioca come da figura iniziamo con un 4vs2 in questo caso possesso palla dei rossi.

I giocatori blu in questo caso devono lavorare sull’intercetto e trasmettere la palla sul quadrato di lato.

Per un ulteriore 4vs2 con recupero dei rossi.

Per renderlo più avvincente e simile alla partita, ho inserito due portieri.

Si fa gol al raggiungimento di sei passaggi di fila, e se si riesce tramite un passaggio filtrante, a servire un compagno fuori dal quadrato per calciare in porta.

Ovviamente si possono attaccare entrambe le porte.

Varianti

  • Si può far gol anche dall’interno del quadrato;
  • si gioca per un totale di 4 minuti per 4 serie recupero 1,30”.

La doppia partita

La doppia partita

Descrizione

Si gioca come da figura un 8vs8 dividendo una metà campo in due.

Da una parte si gioca a quattro porte e su l’altra metà campo si gioca con i portieri.

Il cambio di campo è scandito dal mister e si aggira intorno ai 30-40 secondi per campo.

Il pallone sul cambio di campo viene inserito dal mister.

Il gol è valido solo se tutta la squadra è posizionata oltre il centrocampo (linea dei delimitatori disegnata).

Si effettua un lavoro sui 5 minuti per 4 serie con un recupero di 2′.

Conclusione

Le varie esercitazioni che ho proposto, oltre ad essere utili sul piano fisico, hanno anche una notevole azione sul piano tecnico-tattico.

Eccoci al termine di questo nuovo articolo per MisterCalcio.com sulle transizioni applicate ad allenamenti fisici.

Nel prossimo articolo tratterò un lavoro integrato sulle transizioni nel calcio.

Resto a completa disposizione per qualsiasi confronto!

Ciao,

Mauro Stirpe.

Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Votalo e dicci cosa ne pensi
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (7 voti, 4,29 su 5)
Loading...


Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione personalizzata
Roma
Bologna
Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione Super per Società
Bologna
Soccer Revolution Corsi di Aggiornamento Settore Tecnico FIGC Idea Calcio