Gioco a squadre: dominio aereo

23 Giugno 2022

Buongiorno a tutti gli amici di MisterCalcio.

Nell’appuntamento di oggi andiamo a vedere un esercizio portato sul campo con una squadra di Giovanissimi (u14) e che, a partire dalla categoria Pulcini, grazie all’inserimento di infinite varianti, può essere utilizzato, con finalità anche differenti, per tutte le categorie (adulti compresi).

Si tratta di un gioco a squadre che ha, nel dominio aereo del pallone, il suo focus principale. Come detto però, le varianti possono essere moltissime e ciò permette di variare l’obiettivo pur mantenendo la stessa struttura dell’esercizio.

Solitamente inserisco questo genere di attività nella fase d’attivazione e nella prima seduta della settimana, in cui magari possono ancora essere presenti alcune “scorie mentali” dalla gara precedente. Se gli obiettivi tecnici possono infatti variare, l’aspetto ludico della proposta rimane tale e quale, ed è pertanto un’ottima idea per iniziare l’allenamento con un clima distensivo e sereno.

Il numero di giocatori necessari non è molto rilevante; il che è un altro aspetto interessante, considerato che potremmo adattare facilmente la proposta alle nostre esigenze o ad assenze dell’ultimo momento.

Anche lo spazio di gioco è un altro punto a favore, visto che ne occorrerà molto poco; coi relativi vantaggi che ne possono conseguire.

Sviluppo esercitazione:

Rappresentazione grafica dell'esercitazione
Sviluppo grafico dell’esercitazione

Nella proposta vedremo alcune varianti ma, come detto, queste potranno essere davvero infinite.

Formiamo più squadre e impostiamo l’esercizio sotto forma di competizione; max. 5 giocatori ciascuna. Queste si posizioneranno davanti ad una rispettiva postazione, composta da due nastri distanti circa 5 metri uno dall’altro. Questi potranno essere alti (legati all’estremità più alta di alcuni paletti) o bassi (a circa 10 cm da terra). Davanti ad ogni squadra si posiziona una porticina.

L’esercizio base consiste nel partire in palleggio e superare in successione i due nastri senza mai far cadere il pallone a terra. Arrivati in prossimità della porticina l’obiettivo sarà quello di segnare nella porticina, contando a voce alta il numero di gol per la propria squadra. La difficoltà principale sta, come detto, nel completare l’esercizio senza che la palla cada mai a terra; nel caso ciò avvenga si ritorna in coda alla propria fila.

Per velocizzare l’esercizio e aumentare il numero di ripetizioni, si consiglia di far partire il successivo giocatore non appena il precedente avrà superato il primo nastro.

Video sviluppo dell’esercitazione

Varianti:

Come detto, le varianti sono praticamente infinite. Vediamone alcune.

  • È possibile utilizzare solamente un nastro (alto o basso) per ridurre la difficoltà
  • Al posto della porticina può essere posto un cesto (gabbia porta palloni, bidone, scatolone, ecc.) in cui bisogna depositare il pallone (aumenta la difficoltà)
  • È possibile vincolare la superficie anatomica con cui controllare il pallone una volta superato il nastro. Questo potrà avvenire ad esempio col piede debole, di coscia, di testa, ecc.

Viene posizionato un compagno (che chiameremo B) nei pressi della porticina e a questo punto si apre un mondo di varianti.

  • Superato il secondo nastro, passaggio a (B) che segna (la palla non dovrà mai cadere; questo varrà sempre per tutte le varianti)
  • Superato il secondo nastro, scambio con (B) e (A) segna
  • È possibile vincolare il numero di tocchi per (B) e (A) una volta superato il secondo nastro
  • È possibile vincolare il numero di tocchi tra i due nastri. Ad esempio, un solo tocco a disposizione (superando il primo occorrerà scavalcare il secondo col primo tocco)

Obiettivi:

Per quanto riguarda gli obiettivi tecnici, oggi ci concentreremo prevalentemente sul dominio aereo (il palleggio è a mio avviso fin troppo trascurato) e sui suoi elementi correlati, vedi ad esempio la lettura delle traiettorie.

Conclusione:

È possibile introdurre altri elementi tecnici, come ad esempio la rimessa laterale oppure il passaggio a parabola per avviare il gioco. In alternativa è possibile lavorare anche sul colpo di testa.

Spero quest’esercitazione ti sia piaciuta e possa esserti utile Mister, continua a seguirci per le leggere le prossime uscite.

Un saluto, Diego Franzoso

Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Votalo e dicci cosa ne pensi
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (2 voti, 5,00 su 5)
Loading...


Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione personalizzata
Roma
Bologna
Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione Super per Società
Bologna
Soccer Revolution Corsi di Aggiornamento Settore Tecnico FIGC Idea Calcio