Napoli vs Liverpool – Analisi tattica della partita perfetta

15 ottobre 2018
Fase di possesso e costruzione per il vantaggio del Napoli

Ciao Mister, oggi voglio affrontare con voi l’analisi tattica della partita di Champions League, disputata il 3 ottobre 2018 tra il Napoli di Ancelotti e il Liverpool (vice campione d’Europa) di Klopp.Schieramenti tattici

Ancelotti allenatore del Napoli affronta il Liverpool di Klopp  con il sistema 4-4-2.

La vera innovazione sta nello schierare come terzino destro Maksimovic giocando con quattro difensori, di cui tre centrali.

Costruzione del gioco dal basso

Costruzione del gioco dal basso Napoli Liverpool

 

Nella costruzione del gioco dal basso del Napoli, è molto interessante osservare il movimento dei due terzini.

Maksimovic, di natura difensore centrale, si accentra ad andare a sostenere il lavoro degli altri due difensori centrali (Albiol e Koulibaly), mentre Mario Rui va ad attaccare lo spazio sulla corsia sinistra.

I due centrocampisti centrali, Hamsik ed Allan, fanno un movimento a creare lo spazio al centro.

Nella figura si vede come Hamsik, va verso il portatore di palla per ricevere il passaggio; nel frattempo Allan si smarca e avanza per creare spazio al suo compagno, in tal modo può costruire l’azione liberamente.

Una volta arrivati nella zona 2 del campo, è proprio uno dei due centrocampisti centrali ad impostare il gioco.

Spesso viene cercato un giocatore posizionato in ampiezza, ad esempio Callejón, per poi cercare di attaccare dietro le spalle la difesa del Liverpool.

Organizzazione della fase offensiva del Napoli

Organizzazione della fase offensiva del Napoli

Come spiegato nella tematica sopra, il Napoli una volta arrivata nella zona 3 del campo, cerca di portarsi con più uomini possibile ad attaccare gli spazi concessi, soprattutto alle spalle della difesa del Liverpool.

Ed è proprio in questa fase del gioco che si capisce il valore aggiunto di Ancelotti.

Il Napoli continua a giocare palla a terra con una rete fitta di passaggi corti, come prevedeva il gioco di Sarri.

Ancelotti però è capace di fare partecipare più giocatori all’azione, creando così una superiorità numerica ed attaccare la difesa avversaria con più coraggio.

Nell’immagine si vede come il portatore di palla è predisposto ad attaccare lo spazio nel centro della difesa avversaria e come gli altri sei compagni di squadra vanno ad attaccare lo spazio davanti a loro.

Così facendo, offrono la possibilità di poter ricevere il pallone per la fase finale dell’azione.

Organizzazione della fase difensiva del Napoli

Organizzazione della fase difensiva del Napoli

 

Nella fase difensiva, si nota comunque una difesa schierata sempre alta a cercare la trappola del fuorigioco.

Inoltre il Napoli è disposto a concedere qualcosina in più all’avversario nella zona 2 del campo, per poi avere una superiorità numerica molto più evidente nella zona 1.

La differenza tra la partita contro la Juventus e quella contro il Liverpool sta proprio in questo.

Il Napoli concede nella zona 2 del campo, ma alza il baricentro della linea difensiva nella zona 1.

In questo modo, toglie all’avversario la profondità e con una superiorità di uomini in difesa va a chiudere ancora più spazi, concedendo nulla al Liverpool e neutralizzando tutta l’impostazione della fase offensiva avversaria.

Pressing Napoli

Pressing alto del Napoli

Il Napoli va a pressare altissimo la squadra di Klopp.

Infatti colui che fa partire il pressing è sempre Lorenzo Insigne, che va ad attaccare subito Alisson, spesso costringendolo al lancio lungo in tal modo che il Liverpool è costretto più volte ad affrontare il Napoli negli scontri aerei.

In questo caso specifico Insigne è bravo a mettere fretta Alisson e costringerlo al rinvio immediato.

Inoltre per quanto riguarda l’organizzazione del Napoli nella fase difensiva, si vede come la difesa partenopea è pienamente schierata sulla linea del centrocampo.

Andando in questo modo ad alzare la squadra, attaccando il Liverpool completamente nella propria metà del campo e utilizzando a favore la trappola del fuorigioco.

Nel caso in cui Alisson riuscisse a servire il difensore alla sua destra libero da marcature come nell’immagine sopra, il Napoli andrebbe a “compattarsi” nella zona 2 del campo visto che il pressing ultra offensivo non è riuscito in questa situazione.

Superiorità numerica con il pallone in possesso degli avversari

Mentre quando il Liverpool cerca di far partire il gioco con una costruzione dal basso, si riesce a notare una superiorità numerica durante l’impostazione degli avversari.

Così gli azzurri, attuano molta pressione sui portatori di palla del Liverpool, costringendoli al lancio lungo, oppure correndo il rischio di perdere la palla nella propria zona 1 o 2 del campo.

In questa zona di solito il Napoli attende con molta calma questo momento, per poi recuperare palla e andare ad attaccare l’avversario arrivando spesso ad una conclusione in porta.

Infatti la rete del momentaneo vantaggio a Torino del Napoli, era proprio nata da un’azione simile, nella quale veniva pressato il portatore di palla della Juventus, costringendo così i bianconeri ad un passaggio sbagliato e segnando così il gol del momentaneo vantaggio sulla squadra di Allegri.

Il goal della vittoria, del sacramento tattico, il goal della premiazione

Il gol partita contro il Liverpool nasce da tutto l’insieme di una partita preparata alla perfezione.

Nasce dalla costruzione del gioco a palla corta, dal basso, tramite i centrali del centrocampo e della difesa, da un pallone recuperato con determinazione.

Nasce da un’azione costruita allargando il gioco sulla fascia per poi attaccare lo spazio e inserendosi dietro le spalle della difesa avversaria finalizzando in rete.

La rete messa a segno da Lorenzo Insigne, è il riassunto del calcio giocato da parte degli uomini di Carlo Ancelotti durante tutta la partita.

È il finale perfetto di una partita preparata nel minimo dettaglio a livello tattico, semplicemente è il premio che la squadra partenopea si merita dopo una partita davvero perfetta.

Fase di possesso e costruzione per il vantaggio del Napoli

In questa immagine si vede come il centrocampista centrale Allan, appoggia il pallone dietro alla difesa del Napoli e grazie al posizionamento della linea offensiva ci sia un grande spazio libero che Callejón sfrutta per il proseguo dell’azione.

Callejón una volta ricevuto il pallone gioca la palla dietro le spalle della linea del centrocampo del Liverpool per Mertens e si ripropone dietro le spalle del giocatore del Liverpool per poi ricevere il pallone e continuare l’azione.

Una volta ricevuto il pallone Callejón attacca con decisione la profondità sulla corsia laterale, per poi giocare un pallone, preciso e rasoterra, dietro le spalle della difesa avversaria, andando a servire Insigne.

L’attaccante azzurro che poi finalizzerà, segnando la rete del 1 a 0 al San Paolo e portando così la vittoria della partita e il momentaneo primato del girone.

Mi piace sotto lineare che la bravura del Napoli nell’azione del goal è stata portare con una fitta trama di passaggi, il pallone da una parte all’altra del campo creando imbarazzo alla fase difensiva del Liverpool.

Osservazione personale

Il Napoli ha mostrato dopo la sconfitta a Torino contro la Juventus, di reagire a livello mentale, giocando con molto coraggio e molta concentrazione.

Carlo Ancelotti ha preparato molto bene la squadra sia a livello tattico, che a livello mentale.

Inoltre ha usato le sue intuizioni puntando molto su Mário Rui e inventandosi Maksimovic’ terzino destro.

L’impostazione della squadra in tal modo, ha permesso ad Hamsik ed Allan di esprimersi al meglio nella costruzione delle azioni al centro del campo, sfruttando lo spazio di cui avevano bisogno e mettendoli in condizioni di esprimere al meglio le loro capacità calcistiche.

Inoltre non bisogna trascurare il lavoro svolto dai giocatori del Napoli, rimanendo sempre molto disciplinati e soprattutto a fare molto movimento senza palla, permettendo di aprire varchi nuovi e offrendo sempre una soluzione al proprio compagno di squadra.

Spero sia un’analisi tattica interessante dalla quale ognuno di voi possa trovare degli spunti interessanti!

Ciao, Rocco Pagnotta.

Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione personalizzata
Roma
Bologna