Situazioni di finalizzazione: 2 contro 1 e 3 contro 3

20 Luglio 2020

Ciao Mister, ti presento il mio nuovo articolo per MisterCalcio.com, nel quale ti parlo di situazioni di finalizzazione 2 contro 1 e 3 contro 3.

Situazioni di finalizzazione

Nell’articolo di oggi presento due esercitazioni che ho sviluppato nel corso dell’attuale stagione e che mi piace definirle situazioni per la finalizzazione (o situazioni di finalizzazione).

Tutto nasce in realtà nella precedente stagione, quando cominciai ad interrogarmi sulla funzionalità di alcune esercitazioni che proponevo per allenare la fase di finalizzazione.

Se l’85% delle reti circa, nasce da una conclusione all’interno dell’area di rigore, e se questa spesso è condizionata dalla presenza di avversari e compagni, è nostro compito trovare il modo di riprodurre un contesto il più simile possibile (e che si ripeta moltissime volte), all’interno delle nostre sessioni d’allenamento.

Da questa considerazione ho cominciato ad ideare un’infinità di situazioni in cui gli attaccanti siano in qualche modo avvantaggiati, soprattutto grazie alla superiorità numerica, e in cui emerga un elevato numero di conclusioni a rete, sempre diverse tra loro.

Entrambe le situazioni che vediamo oggi (e in generale di tutta questa tipologia), le propongo sotto forma di competizione a squadre, con l’obiettivo di innalzare l’agonismo e di stimolare la struttura mentale del giocatore (struttura emotivo-volitiva).

A seconda della situazione di gioco scelta (un 2 contro 1 piuttosto che un 3 contro 3) il numero di giocatori varierà.

Con situazioni “più grandi” occorreranno squadre più corpose per garantire il ritorno in fila con la raccolta dei palloni.

Solitamente le situazioni di 3 contro 3 o 3 contro 2 necessitano di almeno 16 giocatori più portieri.

Campo di gioco poco meno di una doppia area di rigore.

Prima Situazione: 2 contro 1 a centro area e su rifinitura laterale

Situazioni di Finalizzazione, 2 contro 1 e 3 contro 3

I giocatori si dividono su tre fila, coi giocatori (1) di entrambe le squadre in possesso del pallone.

Le altre due fila si posizionano in ampiezza, nei due corridoi laterali.

I corridoi vengono delimitati all’interno dell’area di rigore.

Un giocatore bianco inizia l’esercitazione in difesa, schierandosi all’interno del campo.

Il giocatore (1) arancio avvia l’azione servendo i compagni (2) o (3) che si inseriscono nei corridoi potendo ricevere solamente nella metà campo offensiva (oltre i coni).

Il difensore può intercettare il primo passaggio, quindi chi avvia l’azione dovrà valutare molto attentamente la propria scelta.

Una volta che l’esterno riceve, il difensore non può più contrastarlo.

Chi riceve il passaggio conduce sul fondo e crossa nel mezzo per il compagno (1) e per l’esterno opposto che non ha ricevuto palla.

Situazione di 2 contro 1 a centro area per concludere nella porta difesa dal portiere.

Al termine dell’azione il giocatore (1) arancio difende contro una nuova terna bianca, mentre tutti gli altri giocatori escono dal gioco ritornando nella propria fila.

Si ruota a tempo sulle tre posizioni (circa 3-4’ su ognuna).

Seconda Situazione: 3 contro 3

Situazioni di Finalizzazione 3 contro 3

I giocatori si dividono su tre fila, coi giocatori (1) di entrambe le squadre in possesso del pallone.

Le altre due fila si posizionano sullo stesso lato, una a circa metà lato e una alla stessa altezza della fila (1).

Tre giocatori blu iniziano in difesa all’interno del campo.

Il giocatore (1) rosso avvia l’azione servendo con un passaggio (2) o (3) che entrano in campo; (1) non può avviare il gioco entrando in conduzione.

Situazione di 3 contro 3 in cui gli attaccanti giocano per il gol nella porta mentre i difensori, se recuperano palla, ottengono 1 punto segnando in una delle due porticine o realizzando 5 passaggi con l’aiuto del portiere.

Al termine dell’azione i 3 giocatori rossi difendono contro una nuova terna blu.

Chi esce dal gioco torna nella propria fila.

Rotazioni a tempo nelle tre posizioni.

Osservazione

La posizione di partenza di (2) e (3) non è casuale.

Entrando dallo stesso lato dovranno attaccare zone diverse del campo di gioco, muovendosi in sinergia.

Sarà sconsigliato ad esempio che entrambi si muovano sul corto o all’opposto, sul lungo.

La loro iniziale posizione favorirà tagli e sovrapposizioni.

Focus tattico

  • Risolvere efficacemente e rapidamente situazioni di gioco;
  • conclusione in porta;
  • rifinitura laterale e attacco alla porta. 

Conclusione

Eccoci al termine di questo mio nuovo articolo per MisterCalcio.com.

Ti aspetto all’interno del profilo MisterCalcio.com per vedere tutti i miei lavori e poterli commentare per condividere qualsiasi aspetto.

Ciao,

Diego Franzoso.

Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Votalo e dicci cosa ne pensi
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 voti, 5,00 su 5)
Loading...


Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione personalizzata
Roma
Bologna
Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione Super per Società
Bologna
Accademia Allenatori Corsi di Aggiornamento Settore Tecnico FIGC Idea Calcio