Situazione di gioco: 1vs1 con portieri

11 Marzo 2022

Buongiorno a tutti gli amici di MisterCalcio.

Nell’appuntamento di oggi vediamo un’esercitazione che ho ideato e portato sul campo con una squadra di Pulcini al primo anno (u10) e che può essere rivolta a tutte le categorie dell’attività di base.

Si tratta di una situazione di gioco di 1 contro 1 più portieri, utile a far emergere diversi comportamenti individuali e la gestione del 2 contro 1 in fase di possesso.

Esercitazione:

La proposta può a mio avviso essere inserita nella fase centrale della seduta o anche nella messa in azione.

Attenzione come sempre al numero di giocatori a disposizione ed eventualmente a predisporre due spazi di gioco per aumentare il numero di esperienze che ogni bambino potrà fare.

Indicativamente questa esercitazione verrà svolta da circa 10, massimo 12 bambini per campo di gioco.

Il numero minimo è di 5 elementi per campo, quest’ultimo è di forma esagonale ma attenzione…io l’ho predisposto in questo modo perché la figura geometrica l’ho utilizzata sia prima che dopo per altre esercitazioni; ma non è assolutamente necessaria.

Sarà possibile infatti svolgere la situazione anche su di un quadrato o un rettangolo che verrà in ogni modo diviso orizzontalmente in due metà campo.

Sulle due linee di fondo campo vengono collocate due porte difese dai “portieri” (personalmente, in attività di base non mi piace nemmeno chiamarli in questo modo; preferisco parlare di giocatori di movimento che possono usare anche le mani).

Un giocatore, che cambieremo a tempo, viene inizialmente scelto per il ruolo di assistente; questi avrà a disposizione tutti i palloni.  

L’esercitazione può essere utilizzata sotto forma di competizione a squadre o individuale (chi segna più gol).

Sviluppo esercitazione:

Rappresentazione esercitazione
Rappresentazione esercitazione

Il primo attaccante arancio in fila entra in campo seguito dal difensore Blu alle sue spalle.

L’obiettivo dell’attaccante è quello di smarcarsi per ricevere palla dall’assistente rosso per servire poi uno dei due Portieri (a sua libera scelta). A questo punto l’attaccante dovrà ricevere il passaggio di ritorno per segnare nella porta opposta.

Se il difensore recupera palla cerca a sua volta il gol nella porta scelta dall’attaccante.

Varianti:

  • l’attaccante dovrà ricevere il passaggio di ritorno solamente nella metà campo offensiva. È una regola che ho inserito per abituare il ricevente a non avvicinarsi alla palla, quanto piuttosto a ricercare una linea di passaggio alle spalle dell’avversario;
  • Possiamo inserire un tempo limite entro cui l’attaccante deve ricevere il passaggio di ritorno e un altro tempo limite entro cui deve segnare .

Focus:

Il FOCUS è sullo smarcamento, in appoggio o alle spalle dell’avversario (in questo secondo caso by-passando la necessità di doverlo superare in dribbling).

Una volta ricevuta palla gli obiettivi possono essere (a seconda che il difendente sia davanti o dietro di noi) il dribbling e sicuramente il tiro in porta.

Attenzione anche all’aspetto delle transizioni; se il difensore recupera palla cosa farà? Sceglierà di chiamare in causa il proprio portiere confidando nel suo aiuto? Inseriremo un tempo limite entro cui bisogna concludere l’azione se il difensore recupera palla? E l’attaccante come si comporta? E’ pronto e reattivo o si dimentica di difendere?

Conclusione:

Anche oggi siamo arrivati alla fine di questo appuntamento, spero sia stato di vostro gradimento e vi possa risultare utile.

Continuate a seguirci per leggere i nostri articoli e le nostre proposte.

Diego Franzoso.

Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Votalo e dicci cosa ne pensi
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (5 voti, 4,60 su 5)
Loading...


Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione personalizzata
Roma
Bologna
Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione Super per Società
Bologna
Soccer Revolution Corsi di Aggiornamento Settore Tecnico FIGC Idea Calcio