Alleniamo la Costruzione dal Basso

6 maggio 2018

Esercitazioni per la Costruzione dal Basso utili per uscire da un Pressing Ultraoffensivo

Ormai lo avrete capito ho idee calcistiche del tutto opinabili con una mentalità che può sembrare spregiudicata, spavalda, presuntuosa o chissà che altro.

Ma credetemi! Nel mio modo di allenare presto attenzione a tutto ponendomi sempre nuovi quesiti per migliorare me stesso e la squadra che alleno.

Molto spesso chiedo ai miei ragazzi di “correre in avanti” con coraggio, andare a “battagliare” nelle metà campo avversaria (per motivi detti e  spiegati spesso nei miei precedenti articoli).

Da allenatore attento, mettendomi dall’altra parte, mi faccio una domanda: “Come si esce da un pressing ultraoffensivo?

Rispondere a questo quesito mi migliora sotto due aspetti!

Fare proprio il concetto di “pressing ultraoffensivo” della mia squadra e migliorare contestualmente la costruzione dal basso (uscita dal basso), se subisco tale situazione.

Nel mio tip, mi soffermo quindi, su come gestire questo scenario, che diciamocelo, crea sempre difficili letture di gioco.

Intanto credo sia giusto fare un appunto!

Personalmente ritengo che uscire con il palleggio è utile perché ci consente di mantenere la squadra corta, di avere densità in zona palla per una veloce riconquista, di sviluppare delle trame di gioco efficaci.

Al contrario, una palla lunga o verticalizzazione (utili a loro volta), renderebbe il nostro gioco di facile lettura. Rischierebbe di allungare la squadra e di aumentare le distanze tra i reparti, aprendo spazi sfruttabili dagli avversari.

Pertanto cercando di allenare la “filosofia del gioco” e allenando per “situazioni di gioco” vi propongo due esercitazioni a mio avviso molto utili ed attinenti all’obiettivo odierno.

Esercitazione 9+P vs 9+P

Nella prima figura ho posizionato due squadre in un campo 65×50 (diviso a metà), 1 portiere più 5 blu contro 4 attaccanti rossi.

Costruzione dal basso - Esercitazione 9+P vs 9+P

I quattro difensori coadiuvati da un mediano e supportati dal portiere, sono contrastati dai quattro attaccanti ed hanno come obiettivo quello di superare la metà campo per andare a sviluppare un’azione offensiva in collaborazione con i quattro attaccanti.

Nella metà campo opposta, ci troviamo quindi a fronteggiare un 9vs5 +portiere.

Costruzione dal basso - Esercitazione 9+P vs 9+P

Un volta arrivati alla conclusione, i quattro attaccanti si posizionano per contrastare la costruzione dal basso della squadra rossa.

In caso di riconquista si conclude velocemente a rete, curando a questo punto il principio della transizione in una specifica porzione di campo.

Durante questa esercitazione idonea per sviluppare sotto pressione una buona uscita mediante il palleggio, si possono applicare diverse variabili.

Per esempio possiamo ragionare sul numero dei giocatori, il numero dei tocchi a disposizione, sul divieto del lancio. Tutti aspetti legati alla nostra, personale, filosofia di gioco.

Potremmo per esempio incentivare le giocate all’interno del campo di gioco, piuttosto a giocate in ampiezza, e viceversa.

Inoltre si può attenzionare, alla squadra nell’altra metà campo, aspetti legati alle marcature preventive.

Di contro, sullo smarcamento degli attaccanti per ricevere la palla (concetto opposto di smarcamento preventivo).

Esercitazione 10+P vs 10+P

Nella figura di sotto ho utilizzato lo stesso campo, sempre diviso a metà.

In questo caso l’esercitazione prevede 4 difensori e 3 centrocampisti che hanno l’obiettivo di portare la palla nell’altra metà campo superando l’opposizione di 6 avversari.

Costruzione dal basso - Esercitazione 10+P vs 10+P

Arrivati nell’altra metà campo, in 10vs4, si sviluppa un’azione offensiva finalizzata alla conclusione!

A seguito si riparte nella metà campo opposta con le squadre che s’invertono i ruoli.

In caso di conquista del pallone dei sei avversari, gli stessi cercano la finalizzazione immediata.

Anche qui come nella precedente esercitazione possiamo applicare molteplici varianti.

La prima, anche per non focalizzare troppo l’attenzione sul concetto di costruzione dal basso come unica soluzione (anche se la preferisco), è quella di giocare un 5vs6/7 e chiedere ai miei difendenti di verticalizzare immediatamente per i propri compagni posti nell’altra metà campo appena intercettata la sfera.

Entrambe le esercitazioni le consiglio per categorie che vanno dagli allievi fino alla prima squadra.

Concludendo posso affermare che con gli anni (da calciatore prima e da allenatore dopo), ho potuto constatare quanto queste esercitazioni semplici siano molto efficaci perché funzionali dal punto di vista tattico.

Inoltre, unito all’aspetto tattico, se facciamo rispecchiare lo schieramento dei giocatori e le distanze tra di loro, nonché se gli stessi riescono ad avere un atteggiamento attivo come quello che si ha in gara, possiamo trarne ottimi benefici. E di questo ne sono davvero sicuro!

La logica è quella di andare a riprodurre ed effettuare gestualità utilizzabili in partita, anche collegate agli spazi di gioco molto prossimi alla realtà!

Forza Mister!

Aspetto la tua visione!

Ciao da Simone

Hanno già scelto MisterCalcio.com
Roma
Bologna