Tattica o 1 vs 1? Il quesito del giorno

8 aprile 2018
Esercitazione 8vs5 per duelli

Tattica o Duello? Entrambi per arrivare alla vittoria

Ormai lo avrete capito, la tattica mi affascina, mi stimola, mi fa divertire e credo sia una componente fondamentale del calcio.

Ma come più volte detto nei precedenti articoli ci sono i giocatori, che rappresentano i veri protagonisti, gli unici davvero in grado di determinare le sorti di una partita.

Vincere il proprio 1 vs 1 (duello) spesso vuol dire creare superiorità, creare difficoltà all’avversario che deve riorganizzarsi, avere più soluzioni di gioco, in sostanza ci permette di “far saltare il banco”.

Lavorando su questi concetti, tattica e duelli individuali, ho pensato che sia utile ed OPPORTUNO, mettere i propri giocatori nelle condizioni ottimali per fronteggiare queste NORMALI SITUAZIONI DI GIOCO, perché diciamocelo, alla fine il calcio si “riduce” a questo!

Non dobbiamo dimenticare che la vera palestra la si fa (anzi la si faceva, purtroppo) sulla strada, sotto casa…ed anche li si parlava di tattica:

  • Ci ricordiamo ad esempio: io più bravo gioco dietro perché il più bravo di loro gioca avanti?

e di duelli individuali:

  • Io me la vedo con lui, lo smarco e vinciamo!

Su queste considerazioni ho preparato due esercitazioni mirate in cui stimolo i miei giocatori a ragionare da un punto di vista tattico oltre ad un punto di vista del duello.

Esercitazione 8vs5 – Situazionale

Nell’esercitazione che vi abbiamo proposto abbiamo schierato una difesa a quattro con un centrocampista centrale che fa da schermo davanti alla difesa.

Di contro abbiamo la squadra blu schierata con un 4-3-3.

All’esercitazione partecipano i due terzini, i tre centrocampisti e i 3 attaccanti. Sviluppiamo l’azione in maniera molto semplice attraverso una transizione dal centrocampista centrale all’esterno alto, riportato con il numero 7.

Ricevuto il pallone, l’esterno alto ha il compito di andare a cercare l’uno contro uno, il duello contro il suo uomo.

Questo movimento è favorito dall’inserimento, alle spalle del terzino, della mezzala che crea imbarazzo; analogo il discorso in caso di inserimento in sovrapposizione dell’esterno basso.

In questo modo cerchiamo proprio di favorire e di incoraggiare il nostro esterno alto ad andare nell’uno contro uno creando un’ulteriore superiorità numerica, consapevole del fatto che se anche dovesse in qualche modo perdere il duello, abbiamo il terzino basso e la mezzala pronti ad andare a recuperare il pallone (presidiano la zona).

Di contro abbiamo una difesa che è in netta inferiorità numerica e quindi deve aggrapparsi a principi tecnico-tattici per andare a fronteggiare questa situazione.

Nel caso specifico ogni allenatore avrà la sua opinione; io personalmente farei abbassare il centrocampista centrale che va quindi ad inserirsi nella linea dei difensori, con la conseguente scalata degli stessi.

Scenari possibili alternativi sono svariati.

Sta ad ognuno di noi capire quali principi si sposano meglio con le caratteristiche dei nostri calciatori.

Esercitazione 7vs5 nei settori

 

esercitazione7vs5_duelli_tattica

In questa esercitazione lavoriamo per settori.

L’obiettivo è ancora quello di incentivare il duello sugli esterni.

I due centrocampisti rossi hanno l’obiettivo di uscire dal settore dove sono contrastati dal centrocampista blu.

Una volta usciti dal pressing devono passare il pallone ad uno dei due esterni alti che, per vincere l’uno contro uno devono uscire dal proprio settore.

A quel punto possono calciare direttamente in porta, oppure effettuare un cross per i 3 attaccanti che giocano in superiorità numerica con i due difensori rossi.

Questi ultimi, si muoveranno per principi (a voi la scelta), i vostri principi!

Due possibili soluzioni potrebbero essere:

  • marcatura a uomo e lasciamo libero l’uomo più lontano dalla palla
  • copertura della porta coadiuvati dal portiere

Accorgimenti da parte dell’allenatore

Di seguito vi illustro gli accorgimenti che terrei in considerazione durante le due esercitazioni, a mio avviso fondamentali.

Per chi difende:

  • postura del corpo che mi permette di marcare l’uomo e la zona;
  • comunicazione verbale con i compagni di reparto e non;
  • avere un piano B generico ma reale!

Aspetti che se ci seguite avrete spiegati alla perfezione al punto tale da applicarli.

Per chi attacca:

  • ricerca del dribbling per chi ha il pallone (sfruttando l’imbarazzo creato dal movimento del mio compagno, nella prima esercitazione).
  • vincere il duello smarcandosi e trovando la posizione migliore.
  • duello fisico – copertura e difesa del pallone ad esempio mediante il corpo o la postura – e mentale ( saper capire il punto debole dell’avversario, lento/veloce, piede dx /sx, si gira male da un lato).

Spero possiate trovare, con questo intervento, qualche spunto interessante per il vostro percorso di crescita. Spero possa essere d’aiuto anche la registrazione vocale 🙂

Aspetto un vostro feedback mister! Ultimamente ci state chiedendo il pdf dell’articolo e quindi anche questa volta potete scaricarlo da qui.

Ciao

Simone

Hanno già scelto MisterCalcio.com
Roma
Bologna