Il lavoro misto

4 Aprile 2021

Nel mio nuovo articolo per MisterCalcio.com, andremo ad evidenziare tutte le peculiarità del lavoro misto.

L’aspetto più importante senza dubbio è quello della potenza aerobica.

La potenza aerobica è considerata un indicatore di efficienza e funzionalità del sistema cardio-respiratorio e dipende essenzialmente dalle componenti centrali e periferiche.

Lo sviluppo della potenza aerobica, come abbiamo visto nell’articolo precedente si può allenare interamente con la palla, mantenendo una buona intensità sugli sviluppi di ogni esercizio.

Ma alcune volte per vari motivi sia tecnici che motivazionali dei singoli giocatori, non si riesce a mantenere quel tipo di intensità sufficiente per svolgere il lavoro prefissato.

E quindi si ricorre ad un lavoro misto: con palla e a secco.

Vediamo più nel dettaglio il lavoro svolto e come si può incastrare nella seduta.

È bene precisare che questi lavori devono essere svolti quando sono passati 36-48 ore dalla partita, per non andare a sovraccaricare il giocatore stesso.

Poi è compito di ciascun addetto ai lavori vedere bene il grado di stanchezza dei singoli giocatori, e capire dove quando e come inserirli.

L’altra domanda che può sorgere spontanea è: dove collocare la potenza aerobica?

All’inizio, nel mezzo o alla fine della seduta?

Non c’è una risposta univoca, può essere inserita dove si vuole, l’importante è pesare correttamente i carichi di lavoro.

La questione è poi superata dalla scelta di alternare esercitazioni con la palla e a secco, diluendo quest’ultime all’interno della seduta, una soluzione gradita, in genere, al gruppo squadra.

Lavorare solo con la palla?

Il tema del lavoro aerobico col pallone è molto sentito nel quadro dello sviluppo delle capacità fisiche poiché si possono ottenere alcuni vantaggi.

Le proposte sono estremamente condizionanti e correlate con il gesto tecnico.

Il fatto è che taluni allenatori tendono ad esasperare questo approccio riducendo all’osso se non azzerando completamente il lavoro a secco.

Il mio consiglio soprattutto nelle categorie dilettantistiche è quello di andare a mixare il lavoro a secco e con palla.

Ci sono delle esercitazioni che vanno a sfruttare e a migliorare la potenza aerobica con la palla e te le mostrerò di seguito.

Sarà poi il tecnico insieme al preparatore a valutare, nel corso della seduta che si sta disputando, se l’intensità di esecuzione della squadra è buona.

Quindi l’esercizio con il pallone sta mantenendo uno standard alto, possiamo limitare il lavoro a secco riducendo un pò il minutaggio.

Quindi giusto lavorare con il pallone, ma alterniamo anche il lavoro a secco.

Adesso addentriamoci nello sviluppo degli esercizi e della loro applicazione.

Situazionale dall’1vs1 al 4vs4

Situazionale dall’1vs1 al 4vs4

Descrizione

Il giocatore uno rosso parte in conduzione e calcia in porta.

Subito dopo il numero uno blu parte in conduzione e ha vita un 1vs1.

Terminata la situazione di gioco 1vs1 parte il giocatore rosso numero 2 per un 2vs1.

Si continua con la stessa sequenza fino ad arrivare ad una situazione finale di un 4vs4.

Proposta numero 1 a secco

Questa è l’esercitazione alternativa a secco.

Una serie di 8 minuti di corsa intermittente, 50 metri in 1 secondi con recupero di 10 secondi sul posto o rientro alla posizione di partenza in 20 secondi.

Recupero 2 minuti.

5vs5 alternato in due campi

5vs5 alternato in due campi

Descrizione

Due serie da 6 minuti.

Si dispone il primo campo con 4 porticine in una situazione di 5vs5.

L’obiettivo è fare gol nelle porticine per la squadra blu inizialmente in possesso.

La squadra rossa quando recupera palla, deve effettuare 6 passaggi consecutivi per ottenere un punto.

Al cambio si gioca con un secondo pallone che viene buttato in campo dal mister per realizzare una segnatura nelle porte.

Per aumentare il lavoro cognitivo, su ogni cambio si inverte il compito dei giocatori. Chi faceva punto con i 6 passaggi consecutivi adesso deve realizzare un gol.

Proposta numero 2 a secco

Una serie di 8 minuti di corsa intermittente 25 mt in 8-10 secondi, con ritorno in posizione di partenza.
Recupero 2 minuti.

Conclusione

Eccoci giunti al termine di questo articolo per MisterCalcio.com sul lavoro misto.

Ti aspetto all’interno di MisterCalcio per un eventuale confronto!

Ciao,

Mauro Stirpe.

Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Votalo e dicci cosa ne pensi
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (3 voti, 3,33 su 5)
Loading...


Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione personalizzata
Roma
Bologna
Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione Super per Società
Bologna
Soccer Revolution Corsi di Aggiornamento Settore Tecnico FIGC Idea Calcio