Possesso Palla: lavoro a pressione e ri-aggressione immediata

29 Aprile 2019

Oggi porto alla tua attenzione una proposta per allenare ilpossesso palla con pressione e ri-aggressione immediata.

Buona lettura!

Possesso palla, pressione e ri-aggressione immediata

Esercitazione rivolta a tutte le categorie dell’attività agonistica, dai giovanissimi agli adulti, e che personalmente ho utilizzato proprio con i primi.

Si tratta di un possesso palla che, oltre agli obiettivi tecnico-tattici, ha una valenza importantissima dal punto di vista organico.

Se eseguita correttamente l’esercitazione, con l’introduzione di palloni e con l’incoraggiamento del mister, può essere un validissimo strumento in sostituzione di qualche lavoro a secco.

Il numero di giocatori impiegati è relativo.

Di conseguenza è facilmente adattabile alle tue esigenze.

Lo spazio di gioco è di dimensioni variabili, adattandolo al numero di giocatori impiegati, alla categoria, al giorno della settimana in cui proponiamo l’esercitazione, al livello tecnico-tattico della squadra, ecc.

Sviluppo dell’esercitazione per il possesso palla con pressione e ri-aggressione immediata

Possesso palla con pressione e ri-aggressione immediata
Possesso palla con pressione e ri-aggressione immediata

Il terreno di gioco viene diviso in due metà campo e vengono posizionate alcune sagome sulla linea mediana e sul resto del campo.

Avendone poche a disposizione privilegiamo quelle sulla linea mediana.

Per formare una sagoma bastano anche due paletti messi a X.

Organizza quindi le due squadre, con ognuna di queste che schierano due sponde opposte sui lati corti del campo di gioco.

Portiamo la palla da una sponda all'altra
Portiamo la palla da una sponda all’altra

In fase di possesso l’obiettivo è quello di muovere la sfera da una sponda all’altra del proprio colore.

Le sponde giocano a 1 tocco, tocchi liberi all’interno.

Ogni qual volta gioco la palla alla sponda, interscambio con essa (io esco, lei entra).

Il giocatore che da la palla, rimane d’aiuto alla sponda durante l’interscambio.

Il principio di gioco in fase di possesso è quello di attirare l’avversario in una metà campo per poi giocare alle sue spalle.

In fase di non possesso pressione 1 contro 1 all’interno e stare vicini per aumentare la possibilità di recupero.

La nostra sponda più lontana dalla palla può abbandonare la propria posizione per accorciare dentro al campo qualora vi fosse un elemento avversario lontano dalla palla.

In fase di transizione positiva consolidare il possesso per giocare sulla propria sponda più lontana, lontani dalla zona di contro pressing.

In fase di transizione negativa impedire all’avversario di uscire dalla zona di contro pressing.

Conclusione

Chiudo l’intervento di oggi con un consiglio!!

In tutti i principi di gioco ricercati nelle quattro fasi, l’allenatore deve porre l’attenzione solamente su una di queste per non disperdere feedback preziosi, utili a far emergere quanto richiesto.

Siamo giunti al termine di questo nuovo articolo per MisterCalcio.com, con la speranza che ti sia piaciuto e che possa essere di spunto per te come esercitazione da proporre sul campo.

All’interno della Web-App di MisterCalcio.com puoi trovare tutti i miei esercizi con molta facilità al filtro selezione allenatore inserendo semplicemente il mio nome.

Ciao,

Diego Franzoso.

Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Votalo e dicci cosa ne pensi
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle 5,00
3 voti
Loading...


Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione personalizzata
Roma
Bologna
Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione Super per Società
Bologna
Accademia Allenatori Corsi di Aggiornamento Settore Tecnico FIGC Idea Calcio