In conformità al GDPR abbiamo pubblicato una nuova versione dei nostri termini relativi al trattamento dei dati. Clicca qui per saperne di più.

La duplice funzione della settimana di ‘scarico’.

Credo che la difficoltà maggiore per un allenatore dilettante sia quella di riuscire a conciliare l’aspetto atletico con le ambizioni tecnico-tattiche cercando di bilanciare nel miglior modo possibile le due sfere senza che una prevalga sull’altra. In un team che qualcuno considera ancora settore giovanile e qualcun altro crede sia già pronto per sostenere gli sforzi di una prima squadra credo sia importantissimo definire i ‘tempi’ degli sforzi in base alla segmentazione dei carichi di lavoro nel macro, meso e microciclo. Ho constatato in questo contesto l’importanza del riposo, ovvero il momento in cui non viene più richiesta la massima concentazione alla squadra, si lascia che i ragazzi provino e sperimentano soluzioni personali e procedano ad una autogestione sotto qualsiasi aspetto, praticamente si conceda lo ‘scarico’ psicofisico. Solitamento la settimana di scarico preferisco inserirla dopo un intervallo di 3/6 settimane a seconda del momento che sta attraversando la squadra e la percezione che personalmente rilevo dai comportamenti del gruppo. L’aspetto che più mi soprende sulla questione è che la fine della settimana ‘autogestita’ è dettata dal gruppo. Se il team è abituato a lavorare in maniera professionale ed è portato a condividere determinati obiettivi, dopo 2 max 3 allenamenti, comincia a non rispecchiarsi più in un regimi semi-anarchico ed a pretendere da parte del tecnico un ritorno alla professionalità ed al lavoro. Il quarto allenamento se non si percepiscono i segnali del gruppo diventa pienamente controproducente al gruppo e cominciano a nascere piccole diatribe comportamentali anche tra gli elementi più affini caratterialmente. Il paradosso consiste nel fatto che non concedere ‘mai’ un momento di svago nell’arco dell’intera stagione porterà i medesimi risultati