La crescita del bambino nella scuola calcio

23 Settembre 2019

Ciao Mister, sono contento di presentare un mio nuovo articolo per MisterCalcio.com, nel quale parlo della crescita durante l’anno dei bambini della scuola calcio attraverso il lavoro, al fine di raggiungere gli obiettivi preposti.

Questo di oggi non è altro che la continuazione del mio precedente articolo (Esercitazioni per la scuola calcio)

Questa scorsa pubblicazione, parla dell’approccio dei bambini alla scuola calcio, all’interno della quale ho presentato 2 esercitazioni ludiche, chiari esempi dell’inizio di un percorso.

Nei successivi 2/3 mesi è utile invece insistere su altri aspetti cercando di andare per step.

Una di queste azioni del percorso intrapreso prevede l’azione del calciare/lanciare la palla.

Esercizi appropriati in questo periodo possono essere i vari 1 contro 1, 2 contro 1, o in generale tutti gli esercizi che abbinano sia la corsa che il calcio della palla in modo da non dimenticare quanto allenato precedentemente.

Infine l’ultima parte dell’anno può essere incentrata sullo spostamento e la ricezione.

Lo spostamento a questa età sarà quasi sempre proiettato a intercettare o conquistare la palla.

Spostarsi per aiutare è un concetto che ancora non fa parte del comportamento del bambino, dove al centro c’è ancora l’egocentrismo iniziale.

Tuttavia è comunque utile iniziare ad inserire esercitazioni situazionali collettive anche solo per arricchire le proposte didattiche.

Per la ricezione del pallone invece andranno proposte esercitazioni che sotto forma di gioco, mettono il bambino nella condizione di dover assumere una posizione o un atteggiamento in riferimento ad una palla che arriva.

A seguire mister ti propongo due esercitazioni, una che riguarda l’1 contro 1 e a seguire un esercizio per la ricezione e trasmissione.

Esercizio 1 contro 1 a chiamata

1 contro 1 a chiamata

Descrizione

Esercizio di 1 contro 1 in rapidità a chiamata.

Ogni bambino ha un numero da 1 a 4 assegnatogli in precedenza e deve partire quando il mister chiama il numero di riferimento.

L’esercizio consiste nel condurre la palla fino al cono ed effettuare un mezzo giro e poi rapidamente andare a prendere il pallone lanciato dal mister.

Ovviamente chi arriva prima sulla sfera avrà il possesso del pallone per calciare nella porta difesa dal portiere.

Il giocatore che arriva in ritardo deve provare ad impedire il tiro avversario e conquistare la sfera per poter realizzare a sua volta una segnatura nella porta grande difesa dal portiere.

Esercizio per la trasmissione e ricezione e 1 contro 1

Ricezione nel quadrato e trasmissione e 1 contro 1

Descrizione

Esercizio tecnico all’interno del quadrato.

Come vediamo nella situazione a sinistra, il bambino inizia l’esercizio poco fuori la porta di cinesini.

Il suo movimento di entrata nel quadrato è il segnale che vuole palla, quest’ultima sarà trasmessa dal giocatore rosso.

Una volta ricevuto palla all’interno del quadrato, il giocatore blu deve effettuare un controllo orientato e dovrà condurla verso uno dei coni fino ad uscire e affrontare un 1 contro 1 con lo scopo di realizzare un goal.

Il bambino con la casacca rossa deve conquistare la sfera e condurla dentro il quadrato per ottenere 1 punto.

Al termine di ogni azione si invertono i ruoli.

L’importanza delle gare durante il periodo di lavoro

Generalmente, nello sport competitivo, allenamento e gare sono un tutt’uno e sono in stretto rapporto reciproco.

Gli atleti competitivi non si allenano per il piacere di farlo, ma per migliorare la propria capacità di prestazione nei test e nelle gare vere e proprie.

Nello sport infantile e in quello giovanile, diversamente a quanto avviene nel settore dello sport per adulti, le gare rappresentano tappe intermedie.

Sono come delle gare di costruzione ovvero stazioni poste sul cammino del bambino verso prestazioni più elevate.

Vediamo perché le gare sono così importanti nella scuola calcio:

  • devono essere disputate per tutto l’anno e in tutte le tappe dell’allenamento;
  • queste rappresentano un mezzo idoneo a esaminare il livello di allenamento raggiunto;
  • possono anche essere realizzate all’interno del gruppo di allenamento, l’importante è che le squadre siano dello stesso livello;
  • devono porre richieste di carattere psichico, mentale e tecnico-tattico crescenti, per abituare l’atleta alle situazioni particolari della gara;
  • attraverso le gare i bambini dovrebbero imparare ad affrontare in modo adeguato sconfitte e vittorie.

Conclusione

Ecco concluso l’articolo per MisterCalcio.com su questo delicato ma interessante argomento.

Spero di aver suscitato curiosità.

A presto,

Diego Crepaldi.

Quanto ti è piaciuto l'articolo?
Votalo e dicci cosa ne pensi
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle 4,75
4 voti
Loading...


Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione personalizzata
Roma
Bologna
Hanno già scelto MisterCalcio.com nella versione Super per Società
Bologna
Accademia Allenatori Corsi di Aggiornamento Settore Tecnico FIGC Idea Calcio